post-vacation blues

Vacanze finite? I consigli per affrontare al meglio il rientro e vincere il Post-Vacation Blues

La sindrome da rientro è una condizione di malessere che colpisce moltissime persone al termine delle vacanze.

La Dott.ssa Valeria Fiorenza Perris, Psicoterapeuta e Clinical Director del servizio di psicologia online Unobravo, ha approfondito i sintomi e le cause del post-vacation blues e stilato una lista di accorgimenti per aiutarci a vivere più serenamente il ritorno alla routine quotidiana e lavorativa.

Le vacanze stanno volgendo al termine per moltissimi italiani o, per alcuni, sono addirittura già un lontano ricordo. A malincuore si lasciano le località di villeggiatura per fare ritorno in città e immergersi nuovamente nella routine quotidiana. Mentre, controvoglia, si disfano le valigie, ci si può ritrovare a fare i conti anche con un altro tipo di bagaglio: quella profonda sensazione di tristezza, malessere, ansia e spossatezza che spesso sopraggiunge con la fine delle ferie.

Colpa di quello che gli anglosassoni chiamano post-vacation blues, da noi ribattezzato sindrome da rientro, un fenomeno molto diffuso che, ogni anno, coinvolge milioni di persone. Secondo l’Istat, infatti, lo stress da rientro colpirebbe oltre il 35% della popolazione, più di 1 italiano su 3. A essere maggiormente esposti a questa sindrome sono le persone nella fascia di età tra i 25 e i 45 anni e coloro che svolgono attività lavorative ad alto contenuto intellettuale.

Post-vacation blues: cos’è?

La sindrome da rientro è una sensazione di disagio fisico e psicologico che si manifesta al ritorno dalle vacanze.

Rallentare, staccare la spina e dedicarsi ad attività rilassanti e gratificanti, per poi ritrovarsi nuovamente catapultati nei ritmi frenetici del quotidiano, può costituire uno shock significativo per molti e dare origine a un senso di profondo malessere.

Non si tratta di una patologia vera e propria, bensì di una condizione psicologica transitoria, una risposta dell’organismo allo stress del doversi risintonizzare sui ritmi del tempo feriale e riadattarsi a una quotidianità fatta di responsabilità, impegni e doveri. Sebbene passeggero e destinato a esaurirsi nell’arco di poche settimane, il post-vacation blues può rendere più difficile lo svolgimento delle attività quotidiane e lavorative, specialmente nei giorni subito successivi al rientro.

Sindrome da rientro: da cosa ha origine?

“Il post-vacation blues è una condizione strettamente correlata alla sindrome di adattamento, che emerge ogni qualvolta ci troviamo ad affrontare un significativo cambiamento nello stile di vita. Quando siamo in vacanza tendiamo a mettere da parte le preoccupazioni quotidiane e i pensieri che possono provocare ansia e a immergerci in uno stato di totale serenità e rilassatezza.

Con il ritorno alla normale routine, ci troviamo improvvisamente costretti a ricominciare a destreggiarci tra i molteplici impegni familiari, lavorativi o scolastici che contraddistinguono la quotidianità di ciascuno di noi. Questa transizione, specialmente se repentina, può costituire una fonte di grande stress e tradursi per alcune persone nella cosiddetta sindrome da rientro.

La sindrome da rientro è una risposta naturale a tutte quelle sfide che ciascuno di noi si trova ad affrontare al termine di una vacanza e può essere riconducibile a molti fattori diversi. Spesso il rientro sancisce la fine di quella totale spensieratezza di cui avevamo goduto nel periodo vacanziero e il ritorno a doveri e responsabilità che, probabilmente, durante le ferie avevamo messo da parte.

Anche il distacco da amici, parenti o nuove conoscenze che ci hanno accompagnato durante le vacanze può contribuire a dare origine a una sensazione di malinconia post-ferie. Se abbiamo adottato uno stile di vita più indulgente e magari ci siamo anche abbandonati a qualche eccesso inusuale per noi, al rientro potremmo provare una certa stanchezza e sentirci scarichi e impreparati a tornare alle vecchie abitudini. Infine, il ritorno al lavoro è sicuramente uno dei fattori che più incidono sulla sindrome da rientro.

Dover affrontare la routine quotidiana, i compiti in sospeso e i messaggi di posta elettronica che si sono accumulati nei giorni d’assenza può essere schiacciante per alcuni e generare molto stress e ansia” ha commentato la Dottoressa Valeria Fiorenza Perris, Psicoterapeuta e Clinical Director del servizio di psicologia online e Società Benefit Unobravo.

Sintomi e manifestazioni della sindrome da rientro.

Il post-vacation blues può manifestarsi attraverso una serie di sintomi sia fisici che psicologici.

Da un punto di vista fisico, alcune delle manifestazioni più diffuse sono stanchezza, stordimento, difficoltà a concentrarsi e affaticamento generale. Spesso, per la tensione accumulata durante la fase di ripresa delle attività quotidiane, possono sopravvenire emicranie e dolori muscolari. In alcune persone possono insorgere insonnia, ipersonnia o inappetenza e anche la digestione potrebbe diventare più difficile a causa dello stress che rallenta il sistema digestivo.

Tuttavia, non è solo il corpo a soffrire della sindrome da rientro: questa condizione può avere ripercussioni intense anche sulla psiche. La preoccupazione per il ritorno al lavoro o per le incombenze della quotidianità può farci sentire stressati e in ansia. Irritabilità, nervosismo e sbalzi d’umore sono anch’essi sintomi largamente diffusi.

Molti potrebbero, poi, sperimentare una sensazione generale di vuoto e tristezza a causa della nostalgia delle esperienze positive esperite in vacanza. Nei soggetti già predisposti, potrebbe, infine, manifestarsi anche la depressione stagionale, un disturbo che, come suggerisce la definizione stessa, è legato alla ciclicità delle stagioni.

stress da lavoro

Vivere meglio il rientro dalle ferie con questi 10 consigli.

Ci sono alcuni piccoli accorgimenti che possono aiutarci ad affrontare al meglio il ritorno alla routine quotidiana. Ecco un decalogo di consigli per vivere il rientro in modo più sereno e consapevole e sconfiggere il post-vacation blues:

  1. Rientro graduale: concedersi qualche giorno di assestamento prima di immergersi completamente nella routine abituale può essere di grande aiuto per ridurre l’ansia e accusare meno lo stress da rientro. Se possibile, cerchiamo di tornare dalle vacanze qualche giorno prima che le ferie siano effettivamente finite così da avere il tempo necessario per prepararci con tranquillità alla ripresa, abituarci alla routine in modo più rilassato e riprendere le attività lavorative con gradualità;
  1. Me time”: se durante le ferie abbiamo dedicato del tempo a noi stessi, non priviamocene completamente una volta finite le vacanze. Continuiamo a ritagliarci degli spazi da impiegare con attività gratificanti e a fare ciò che ci piace e ci fa stare bene;
  1. Sonno e alimentazione: riprendere una corretta alimentazione e una buona routine del sonno è essenziale, specialmente se durante le vacanze ci siamo concessi qualche eccesso o abbiamo alterato i nostri ritmi. La respirazione diaframmatica e la meditazione, ad esempio, possono aiutare il rilassamento e favorire l’adattamento ai nuovi ritmi sonno-veglia;
  1. Relazioni sociali: restiamo in contatto con le persone conosciute in vacanza e ritroviamo gli amici che abbiamo lasciato in città. Coltivare le relazioni e stare in compagnia di persone care sono ottimi antidoti allo stress da rientro;
  1. Attività all’aria aperta: finché il tempo lo consente, dedicare il fine settimana ad attività all’aria aperta può essere un vero toccasana. Una passeggiata nella natura, un’escursione in montagna, una gita al mare o un fine settimana fuori città possono darci la sensazione che le vacanze non siano ancora finite del tutto e prolungarne i benefici;
  1. Sport e fitness: mantenere un’attività fisica regolare, evitando la sedentarietà. Ritornare in palestra o fare sport al rientro dalle ferie ci aiuterà a tenere attivo l’organismo e a diminuire lo stress;
  1. Hobby: coltivare le passioni e gli hobby scoperti o ritrovati durante le vacanze può aiutarci non solo a vivere meglio la fase del rientro, ma anche a stimolare la mente e la creatività durante tutto l’anno;
  1. Ricordi di viaggio: anche se sono finite, le vacanze non vanno archiviate o dimenticate. Assaporarne i ricordi, ad esempio riguardando gli album fotografici, ci permetterà di mantenerne vive le sensazioni piacevoli e ci farà sentire ancora lontani dalla routine quotidiana;
  1. Emozioni: la fine delle ferie può essere vissuta da alcuni come un trauma e provocare crisi post-vacanza. Molto spesso, però, è proprio la continua lotta che molti di noi vivono con le proprie emozioni a rendere ancor più difficile il rientro. Riconnetterci con noi stessi, accogliere il nostro sentire e prenderci cura della nostra interiorità sono passi fondamentali da compiere per ritrovare un buon equilibrio emotivo e tornare alla routine con più serenità;
  1. Benessere psicologico: il rientro dalle vacanze può portare con sé ansia, stress e, persino, depressione. Se ci sentiamo sopraffatti dal senso di responsabilità, dalla tristezza, dall’angoscia o dall’insoddisfazione potrebbe essere proficuo parlarne con un professionista. Prendersi cura della propria salute mentale è essenziale per poter raggiungere un benessere complessivo ottimale, al ritorno dalle ferie e durante tutto l’anno.

Back to work non ti temo! Come vivere più serenamente il rientro a lavoro.

Al termine delle vacanze, rientrare al lavoro può risultare la sfida più impegnativa di tutte. Dopo settimane di svago e relax, ci si aspetterebbe di sentirsi ispirati e pronti a iniziare con entusiasmo, ma la realtà spesso è un’altra.

Anche se amiamo il nostro lavoro, il passaggio dalla disconnessione delle vacanze agli impegni e alle responsabilità professionali può costituire una fonte di grande stress e mettere a dura prova il nostro equilibrio psicofisico.

Ancora prima di ricominciare, potrebbe manifestarsi un profondo senso di ansia anticipatoria: pensieri e preoccupazioni riguardo al carico di lavoro che ci attende al rientro possono iniziare a farsi strada nella nostra mente già negli ultimi giorni di vacanza, pregiudicandone così la spensieratezza.

Come affrontare, quindi, il back to work senza accusare eccessivamente lo stress da rientro?

“Per alcuni riprendere gli impegni e le responsabilità che il lavoro implica dopo un periodo di disconnessione può avere un impatto molto forte, con effetti significativi sul corpo e sulla mente. Per questo, per vivere al meglio il back to work è importante concedersi qualche giorno di assestamento, riprendendo le attività lavorative con gradualità e dando priorità ai compiti meno impegnativi o più piacevoli, per poi proseguire con quelli più complessi o meno gradevoli.

È, inoltre, consigliabile ritagliarsi pause più frequenti ed estese, così da aver modo di riadattarsi a poco a poco ai ritmi lavorativi. Infine, è importante non sovraccaricarsi di mansioni già dal primo giorno e tenere sempre a mente che un accumulo prolungato può cronicizzare lo stress da lavoro e portare alla sindrome di burnout.

Non bisogna, infine, dimenticare l’impatto positivo che il ritorno alla quotidianità dopo la pausa estiva può avere sulla vita di ciascuno di noi. Settembre segna per molti uno spartiacque tra la prima e la seconda parte dell’anno e, come Capodanno, può costituire un momento propizio per riflettere sulla propria vita e fare progetti per i mesi a venire, andando, così, a trasformare la fine di qualcosa di bello nell’inizio di qualcosa di nuovo.

Il ritorno dalle vacanze è anche un periodo ideale per rivedere le proprie priorità, prefiggersi nuovi obiettivi e cercare un miglior equilibrio tra sfera personale e lavorativa. Le energie ritrovate durante le ferie possono, infatti, darci la spinta e la motivazione per affrontare nuove sfide o cambiamenti oppure per intraprendere un percorso di crescita al fine di migliorare la nostra vita privata o professionale. Certo, le novità possono spaventare: ecco perché ricorrere al supporto di un esperto può aiutarci a comprendere cosa ci spinge a desiderare un cambiamento e provare ad affrontarlo al meglio.

Con Unobravo, ad esempio, è possibile iniziare percorsi psicologici online con terapeuti specializzati in crescita personale, self empowerment, gestione dello stress e dell’ansia, difficoltà nella sfera lavorativa, miglioramento della consapevolezza e dell’autostima e tanto altro. La terapia psicologica è un’ottima alleata e può contribuire in modo significativo alla nostra crescita individuale e al miglioramento del benessere mentale, fisico ed emotivo, apportando notevoli benefici a ogni aspetto della nostra vita”, ha concluso la Dottoressa Valeria Fiorenza Perris, Psicoterapeuta e Clinical Director del servizio di psicologia online Unobravo.

Fonti:

https://www.unobravo.com/post/sindrome-da-rientro-ferie

https://www.unobravo.com/focus/crescita-personale

https://www.unobravo.com/focus/lavoro

Per ricevere maggiori informazioni o organizzare un’intervista: Lavinia Ferri I PR Manager Unobravo [email protected]

Unobravo:

Nato nel 2019, Unobravo è il servizio di psicologia online che si propone come un punto di riferimento affidabile, competente ed empatico nella vita delle persone, per aiutarle nel raggiungimento del benessere psicologico e supportarle nella crescita personale. Unobravo lavora ogni giorno per abbattere lo stigma sui temi di salute mentale e normalizzare l’accesso alla terapia attraverso prezzi accessibili e l’attenta selezione di professionisti per garantire sempre un servizio d’eccellenza. Ad oggi conta una équipe di 4.000 psicologi, più di 130.000 pazienti e un core team di oltre 200 persone.

PSICOLOGIA

Autore